essay life partial payment their writer phd dissertation in international relations essay writing checker help essay writing uk pay someone to do my assignment australia college application essay pay best who can write my business plan reviews of dissertation editing services
Shake Cerca libro
Home      Speciali      Dove siamo      Chi siamo      Librerie/rivenditori      Press      Contatti      English      Privacy   
Novità
Eventi
Approfondimenti
Autori
Prof. Bad Trip
Catalogo
Underground
Ebook
Fiction
Cyberpunkline
Black Prometheus
Ri/Cerca
Universale
Piratini
Corpiradicali
Riviste
I libri di Acoma
Tascabili
Torrent Dvd/Cd
Fuori collana
Vhs
Nnoir Sélavy

 

 

 
Scheda autore

Scott-Heron Gil
Gil Scott-Heron è morto in ospedale a New York il 27 maggio 2011. La notizia del decesso è stata diffusa dal suo editore, Canongate Books. ShaKe è stato l'unico editore italiano a pubblicare un suo libro; "La fabbrica dei negri", un incandescente romanzo ambientato negli anni settanta in una università nel Sud degli Stati Uniti, dove uno scontro tra un gruppo di studenti e il proprio preside, un nero che ha alle spalle le lotte per i diritti civili degli anni Cinquanta e Sessanta, giungerà attraverso una progressiva radicalizzazione fino all'aperta rivolta. Gill Scott-Heron è considerato il padre del rap «Se facciamo quel che facciamo è grazie a lui» ha dichiarato Chuck D dei Public Enemy. In diversi hanno reso omaggio al poeta- cantante: « Che Gil Scott-Heron riposi in pace: ha influenzato tutto l'hip hop», ha dichiarato il rapper Eminem. «RIP a uno dei più grandi», ha aggiunto Snoop Dogg, mentre altri omaggi sono stati fatti da Beastie Boys, Usher ou Diddy (ex Puff Daddy), in pratica la crema dell'hip-hop americano. Il tributo definitivo è arrivato da Chuck D, il fondatore dei Public Enemy, la «Storia del rap»: «Se facciamo quel che facciamo è grazie a lui». E anche altri mondi si sono uniti al cordoglio: i Radiohead hanno pubblicato un elenco di canzoni di Scott-Heron sul loro sito. Gil era nato a Chicago, il primo aprile del 1949, ma cresciuto nel Bronx di New York, quartiere difficile e perfetto crogiuolo per le sue riflessioni sulla guerra tra poveri dell'Altra America, così lontana dal volto rispettabile, pulito e inevitabilmente bianco, dominante nei media. Dopo aver pubblicato nel 1969 il primo romanzo, The Vulture (L'avvoltoio), Gil dedica proprio ai grandi network e alla manipolazione dell'informazione ad opera delle rispettive, bianche proprietà, con la conseguente ignoranza della classe media sui problemi delle città, le sue due più potenti invettive in musica: The Revolution Will Not Be Televised e Whitey on the Moon, incluse nel suo primo album, A New Black Poet -Small Talk at 125th & Lennox, inciso nel 1970 in collaborazione con uno stuolo di musicisti jazz. Nelle note di copertina, il tributo di Gil ai più grandi esponenti dell'orgoglio nero e della musica nera: John Coltrane, Otis Redding, Billie Holiday, il drammaturgo Langston Hughes, Malcolm X, il cofondatore delle Black Panthers Huey Newton e Nina Simone. Addio fratello! La rivoluzione non sarà televisivizzata!

Bibliografia
Novità      Eventi      Approfondimenti      Autori      Prof. Bad Trip   
Home      Speciali      Dove siamo      Chi siamo      Librerie/rivenditori      Press      Contatti      English      Privacy