Shake Cerca libro
Home      Speciali      Dove siamo      Chi siamo      Librerie/rivenditori      Press      Contatti      English      Privacy      Newsletter   
Novità
Eventi
Approfondimenti
Autori
Prof. Bad Trip
Catalogo
Underground
Ebook
Fiction
Cyberpunkline
Black Prometheus
Ri/Cerca
Universale
Piratini
Corpiradicali
Riviste
I libri di Acoma
Tascabili
Torrent Dvd/Cd
Fuori collana
Vhs
Nnoir Sélavy

 

 

 
Dal Ballet Mécanique di Antheil alle Versailles Sessions di Murcof

Dalle sperimentazioni meccaniche degli anni Venti alla avanguardia elettronica di oggi

Antheil è il “bad-boy” americano della musica d’avanguardia anni Venti, insieme a Edgard Varèse può essere considerato il “nonno” della moderna musica elettronica. Alla scoperta di territori inesplorati i modernisti degli anni Venti e Trenta cominciarono a utilizzare i primi strumenti musicali meccanici al fine di creare musica che rispecchiasse le caratteristiche del mondo moderno (rumore, scienza e industria), gettando le basi per quella che dagli anni Quaranta verrà definita musica concreta, l’emancipazione del rumore, in cui suoni di varia natura, tratti dalla realtà ambientale e da oggetti, verranno incisi su supporto magnetico per poi essere elaborati attraverso varie tecniche.

Nel video la performance “live” del Ballet Mécanique di Antheil (1924), progettato per strumenti musicali meccanici, pianoforti automatici, campanelli elettrici, motori a elica, qui nella versione installata nel 2006 presso la National Gallery of Art di Washington DC e realizzata da Paul Lehrman and LEMUR (League of Electronic Musical Urban Robots).

 

Il percorso di queste avanguardie non sembra essersi mai spento. Il re del “glitch”, dell’interferenza e dei rumori bianchi Murcof ce lo dimostra nel suo ultimo lavoro "The Versailles Section" in cui elementi di musica concreta sono assemblati a composizioni di Lully, Couperin e altri, suonate in modo tradizionale da musicisti specializzati in musica barocca del Diciassettesimo secolo e successivamente processate dall’artista messicano che ricampiona e ricontestualizza le parti attraverso l’uso di macchine e software. Il fascino e le suggestioni dell’avanguardia storica rimangono forti anche nel presente.

 

link - acquista online su shake.it

"La morte nel buio"
Romanzo noir

Stacey Bishop è lo pseudonimo di George Antheil (1900-1959), il celeberrimo “bad-boy” americano della musica d’avanguardia anni Venti (il suo Ballet Mécanique, ispirato ai ritmi tribali di Stravinskij, fu molto ammirato da Ezra Pound, per esempio, ed è tuttora ampiamente rappresentato nei teatri di tutto il mondo). Amico di Pound e Joyce, Eliot e Picasso, Hemingway e Salvador Dalì, Antheil pubblicò nel 1930 questo romanzo poliziesco per i tipi della Faber & Faber, la casa editrice diretta da T.S. Eliot. “La morte nel buio” venne letto e rivisto prima della pubblicazione da letterati del calibro di Pound, Eliot, Yeats e Gerhard Hauptmann, secondo la testimonianza dello stesso autore. Ispirato ai libri di Van Dine, con la loro figura del detective carismatico, questo libro è accompagnato da un’aura di leggenda.
pp. 192
Prezzo: EURO 14,90
Prezzo offerta 12,70
- 15 %
Novità      Eventi      Approfondimenti      Autori      Prof. Bad Trip   
Home      Speciali      Dove siamo      Chi siamo      Librerie/rivenditori      Press      Contatti      English      Privacy      Newsletter   
pornload.cc